Il coordinamento

Il coordinamento

Capitolo precedente Acquisto / riscatto nell’istituto di previdenza
indietro avanti
Capitolo successivo I compiti del membro del comitato di cassa

Testo introduttivo sul coordinamento

La legislazione in materia di assicurazioni sociali contiene varie disposizioni che regolano l’interazione tra le diverse assicurazioni, quali l’AVS, l’AI, la LPP, ecc. Scopo del coordinamento è evitare vantaggi ingiustificati per la persona assicurata.

Esempio pratico (coordinamento con le assicurazioni sociali)

Diritto alle prestazioni in caso di invalidità per malattia senza indennità giornaliera

Se una persona assicurata si ammala, il suo datore di lavoro continua a versarle l’intero salario (obbligo di continuare a versare il salario secondo l’art. 324 a CO). La durata di tale pagamento continuato del salario dipende dalla durata del rapporto di lavoro. Solo quando intervengono le prestazioni dell’AI (di norma dopo un anno), il dipendente ha diritto anche alle prestazioni della previdenza professionale (obbligatorie ed eventualmente sovraobbligatorie).

Diritto alle prestazioni in caso di invalidità per malattia con indennità giornaliera

Molti datori di lavoro, per una parte del pagamento continuato del salario e per colmare la lacuna che si forma tra la fine del pagamento continuato del salario e l’inizio delle prestazioni dell’AI e della LPP, stipulano un’assicurazione d’indennità giornaliera in caso di malattia (periodo di attesa ed entità delle prestazioni come da contratto).

Se l’assicurazione d’indennità giornaliera in caso di malattia viene conclusa con una durata di 720 giorni e comprende almeno l’80% del salario ed inoltre è finanziata almeno per la metà dal datore di lavoro, l’istituto di previdenza può rinviare il diritto alle prestazioni della LPPdi 1 anno.

Diritto alle prestazioni in caso di invalidità per infortunio

L’assicurazione contro gli infortuni corrisponde un’indennità giornaliera pari all’80% del salario assicurato. Non appena l’AI è tenuta a erogare le prestazioni, l’assicurazione contro gli infortuni corrisponde una rendita complementare fino a un massimo del 90% del salario assicurato, pari a non oltre 148 200 CHF (salario Massimo LAINF).

Diritto alle prestazioni in caso di invalidità per infortunio (salari superiori al salario massimo LAINF)

Qualora una persona assicurata subisca un infortunio e un assicuratore infortuni sia tenuto a versare delle prestazioni ai sensi della LAINF, le prestazioni della previdenza professionale saranno limitate al minimo di legge. Il diritto alle prestazioni della previdenza professionale sussiste unicamente a condizione che la somma delle prestazioni (AI, LAINF) non superi il 90% del salario assicurato (salari superiori al salario massimo LAINF.

Diritto alle prestazioni decesso per malattia

In caso di decesso di un assicurato per malattia, sono dovute le prestazioni per i superstiti sia dell’AVS che della LPP.

Diritto alle prestazioni decesso per infortunio

Se, in caso di decesso di un assicurato, un assicuratore infortuni ha l’obbligo di prestazione ai sensi della LAINF, le prestazioni della previdenza professionale saranno limitate al minimo di legge. Il diritto alle prestazioni della previdenza professionale sussiste unicamente a condizione che, insieme alle altre prestazioni per i superstiti, non superino il 90% del salario assicurato.

Verificate le vostre conoscenze

Avete compreso tutto? Verificate le vostre conoscenze con questo breve quiz:

Il coordinamento

Qual è lo scopo del coordinamento?

Evitare vantaggi ingiustificati

Ridurre gli oneri amministrativi

Accelerare l’erogazione delle prestazioni

Esatto! Il coordinamento ha lo scopo di evitare vantaggi ingiustificati.

Errato! Il coordinamento ha lo scopo di evitare vantaggi ingiustificati.