Casa e proprietà

Suggerimenti: ecco come trovare il giusto architetto

Che si tratti della costruzione ex novo di una casa unifamiliare o di un risanamento, la scelta dell’architetto deve sempre tenere conto dei seguenti criteri.

Definire i criteri di scelta dell’architetto

modellbau

Costruire la propria casa è un’impresa estremamente complessa. Ecco perché i committenti necessitano di partner affidabili. Chi non si accontenta di una casa standard da catalogo deve rivolgersi a uno studio di architetti. Tuttavia, la scelta può rivelarsi un’ardua impresa. Come si fa a trovare il giusto architetto? Definite al meglio le vostre esigenze prima di iniziare la ricerca. Quale stile vi piace? La casa deve essere costruita secondo i criteri del risparmio energetico? A quanto ammonta il vostro budget? Quanta libertà creativa siete disposti a concedere all’architetto? In sostanza, potrete trovare il giusto partner soltanto se saprete definire con esattezza ciò che state cercando.

Elenchi e riviste specializzate
Quando si cerca un architetto, solitamente il primo passo è fare qualche ricerca in Internet. Sui relativi siti web, le associazioni specializzate riportano un elenco degli studi associati. Scorrete questi elenchi e visitate i siti degli studi che vi interessano, concentrandovi su quelli della vostra zona: in un secondo momento le distanze eccessive potrebbero complicare inutilmente il coordinamento degli artigiani.

Ad esempio, i seguenti siti forniscono una panoramica degli studi di architettura in Svizzera:

Per informazioni generali sull’edilizia potete consultare le riviste specializzate. Lasciatevi ispirare! I magazine pubblicano regolarmente profili di architetti con i relativi progetti.

Preselezione grazie alle referenze
Selezionate da dieci a venti studi e visitate i relativi siti Internet. Solitamente le società più grandi riportano una selezione dei progetti che hanno realizzato. Se non sono presenti online, scrivete direttamente agli architetti chiedendone le referenze. Grazie ai progetti realizzati, potrete capire se lo studio individuato lavora principalmente con privati o aziende. Se alcuni progetti si trovano nella vostra zona, andate a vederli così da farvi un’idea concreta. Potreste anche riuscire a parlare con i proprietari, i quali potrebbero raccontarvi la loro esperienza. Informatevi in particolar modo sul rispetto delle scadenze e del budget e su come sono stati eseguiti i lavori.

In seguito, restringete la scelta a cinque architetti. Chiedete loro un preventivo per il vostro progetto. L’onorario potrebbe essere molto diverso. Infine, chiedete una consulenza o un colloquio conoscitivo ai tre professionisti che vi soddisfano maggiormente. 

La sintonia è fondamentale
Preparatevi adeguatamente al colloquio. Più chiare saranno le vostre esigenze, più facile sarà soddisfarle. Avete l’impressione che il vostro interlocutore capisca le vostre necessità e sia in grado di soddisfarle? I vostri gusti e quelli dell’architetto sono in sintonia? Fidatevi del vostro istinto, poiché committente e architetto devono andare d’accordo! Sottoscrivete il contratto soltanto quando avrete ricevuto risposta a tutte le vostre domande. Infine, insistete sul rispetto delle tempistiche.

Compiti dell’architetto in caso di nuove costruzioni
La costruzione di un nuovo edificio prevede nove fasi. Non tutti gli architetti vi accompagneranno dall’inizio alla fine e spesso potrà essere necessario coinvolgere un secondo architetto. Questo è sicuramente vantaggioso da un lato, perché ciascun architetto è specializzato nella sua parte di progetto, ma può anche essere svantaggioso perché lo studio che rileva i lavori deve prima inserirsi nel progetto. Un’ulteriore possibilità consiste nel nominare un architetto fase per fase. In questo modo, se il lavoro non vi piace, potrete cambiare tempestivamente professionista. Ecco le nove fasi:

  • valutazione di base

  • pianificazione preliminare

  • pianificazione progettuale

  • pianificazione definitiva

  • preparazione dell’appalto

  • appalto

  • sorveglianza del progetto

  • assistenza al progetto

  • documentazione relativa al progetto

La sorveglianza del progetto, quindi la costruzione vera e propria dell’edificio, incide per circa un terzo dell’onorario, mentre la pianificazione progettuale e la preparazione dell’appalto incidono ciascuna per circa il dieci percento.

Trovare il giusto architetto per la ristrutturazione o il risanamento
Sicuramente la ristrutturazione è meno impegnativa di una costruzione ex novo. Tuttavia, riesce bene soltanto con il partner giusto. Innanzitutto, pensate a quali lavori dovranno essere eseguiti e stabilite le priorità. Discutete della vostra lista con diversi architetti, in questo caso potete contattare anche architetti d’interni. È fondamentale che l’architetto scelto abbia esperienza in progetti di ristrutturazione e conosca bene il materiale che impiegherà nella vostra casa. Questa consulenza di base non sarà gratuita, tuttavia in questa fase non dovete badare a spese. Infatti, dopo questo colloquio sarete pronti per scegliere il vostro partner. Anche nei risanamenti sarà bene leggere attentamente il contratto, definire le tempistiche e stabilire le spese massime.

Stipulare l’ipoteca online

Di vostro eventuale interesse:

Ha delle domande? Top