Pagamenti e risparmio

Fattura QR: un sollievo anche per le persone più anziane

Nel 2020 sono state introdotte su tutto il territorio nazionale le cosiddette fatture QR, ovvero fatture dotate di un riquadro da scannerizzare e in grado di semplificare i pagamenti per molte persone. Anche le associazioni dei disabili e Pro Senectute accolgono con favore la nuova procedura. 

Addio faticose digitazioni

Ma il meglio deve ancora venire: grazie alle nuove fatture QR la faticosa digitazione di lunghi numeri di riferimento sarà presto solo un ricordo del passato. L’abbreviazione QR significa “Quick Response”, ovvero riscontro rapido. Il codice QR funziona come un codice a barre, ma consente di memorizzare più dati. Un codice QR può essere sia letto dagli smartphone che generato autonomamente.

La fattura QR sostituisce i bollettini di versamento arancioni e rossi ed è stata introdotta al fine di uniformare e semplificare il traffico pagamenti. Basta infatti scattare una foto con lo smartphone, digitare un’unica volta con il dito o cliccare con il mouse e la fattura risulta pagata.

La forma cartacea continua a essere importante

Spesso proprio le innovazioni nel settore digitale fanno sì che le persone anziane o con disabilità ne siano escluse. Con le fatture QR questo non avviene. Pro Infirmis, l’organizzazione specializzata nella tutela delle persone con disabilità, accoglie con favore la nuova modalità di fatturazione basata su fatture QR, poiché semplifica la procedura di pagamento. Tuttavia, secondo Pro Infirmis, per le persone con una disabilità mentale deve continuare ad essere disponibile il modulo cartaceo.

Sempre più anziani digitali

Anche Pro Senectute, l’organizzazione dedita agli anziani, accoglie positivamente le innovazioni nel traffico pagamenti che “dovrebbero portare a semplificazioni amministrative”. Pro Senectute sottolinea che il periodo di transizione dovrà essere sufficientemente lungo in modo da permettere agli utenti di fare pratica nell’utilizzo del nuovo codice QR. E la nuova fattura QR ha “un grande potenziale” per gli ipovedenti, sottolinea il responsabile dell’Associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera all’interno della rivista specializzata “clear it”: «Il processo di scansione di un codice QR è semplice, veloce e non richiede molte conoscenze preliminari».

Provatelo! E dopo aver effettuato un paio di pagamenti non sentirete più la mancanza dei vecchi bollettini di versamento.

Pagare le bollette QR nell’e-banking

Effettuate le vostre operazioni bancarie in tutta semplicità e comodità direttamente da casa

Di vostro eventuale interesse

Rivista
Come possiamo aiutarti? Top