Previdenza e patrimonio

Previdenza per la vecchiaia e pianificazione pensionistica

Per godervi il bello che verrà

Quattro modelli di pianificazione pensionistica

pensionsplanung

Più si avvicina la pensione, più intensamente ci si confronta con questo tema. Le aspettative si fanno più concrete, nascono sogni e desideri. Ma potranno avverarsi? Questo dipende anche da una pianificazione previdenziale accurata. Il nostro articolo mostra come strutturare in modo flessibile il pensionamento sulla base di quattro modelli.

Dai 50: pianificare il pensionamento
Cinquanta candeline sulla torta. Spente tutte d’un fiato. In questo momento il pensionamento è ancora lontano. Ma il tempo passa più in fretta di quanto si pensi. Per questo è bene verificare la propria situazione finanziaria non più tardi dei 50 anni. Così ci sarà ancora tempo a sufficienza per apportare correzioni. Perché possiate conservare il più possibile lo standard di vita cui siete abituati anche dopo il pensionamento. 

Modello 1: pensionamento ordinario Cosa ci attende?
La vita comincia a 66 anni, secondo una nota canzone. A dire il vero anche un po’ prima. Il pensionamento ordinario è fissato a 64 anni per le donne e a 65 per gli uomini. Per la rendita AVS (primo pilastro o previdenza statale) sono determinanti il numero di anni di contribuzione e il reddito annuo medio. La rendita massima annua ammonta a 28 200 CHF per le persone sole e 42 300 CHF per i coniugi, la rendita minima ammonta rispettivamente alla metà.

E com’è la situazione per la cassa pensioni (secondo pilastro o previdenza professionale)? Il vostro certificato CP vi informa ogni anno in merito al vostro avere di vecchiaia previsto e alla rendita di vecchiaia. 

Modello 2: prepensionamento Bisogna guadagnarselo.
Più tempo per i nipotini, più tempo per se stessi, più tempo per il dolce far niente. Il pensionamento anticipato può essere associato a immagini molto piacevoli. Però bisogna poterselo permettere. Difatti con un prepensionamento le lacune pensionistiche da colmare sono maggiori rispetto al pensionamento ordinario. Questo per vari motivi. In primo luogo, negli anni che precedono il pensionamento ordinario i contributi di risparmio sono massimi. Andando in pensione anticipatamente, questi contributi vengono a mancare. In secondo luogo, il vostro avere matura interessi per un tempo minore. Infine: dato che la rendita della cassa pensioni viene percepita prima, deve durare di più e di conseguenza si riduce. Solo un accumulo di capitale ben pianificato e una consulenza previdenziale accurata consentono di compensare queste minori entrate fino alla rendita AVS ordinaria e dopo di essa. 

Modello 3: pensionamento parziale Un’uscita soft.
Molti dipendenti riducono progressivamente il loro grado di occupazione. Nell’ambito del cosiddetto pensionamento parziale si percepiscono delle rendite parziali dalla cassa pensioni. Un pensionamento parziale può essere conveniente sul piano fiscale. Per la precisione quando l’avere della cassa pensioni è percepito in forma di capitale. Difatti, a seguito della progressività delle imposte in certi cantoni, le imposte sono maggiori se si percepisce il capitale in un’unica soluzione piuttosto che in piccole quote nell’arco di più anni. 

pensionierung-planen

Modello 4: pensionamento posticipato. Attendere per ottenere di più.
In Svizzera, circa una persona su dieci prosegue l’attività lucrativa anche dopo aver raggiunto l’età di pensionamento. Se scegliete di lavorare più a lungo, potete posticipare la pensione al massimo fino al 70° anno di età. Questo offre alcuni vantaggi: più posticipate il pagamento dell’AVS, più la vostra futura rendita complessiva sarà elevata. La durata del rinvio la scegliete voi. Difatti potete decidere in qualsiasi momento quando percepire la rendita. Ma attenzione: se desiderate posticipare il pensionamento è necessaria una specifica dichiarazione. Il rinvio deve essere chiesto entro un anno dall’inizio del diritto alla rendita. Se lasciate decorrere questo termine o se non contrassegnate la dichiarazione di rinvio sul modulo di richiesta, la rendita di vecchiaia sarà determinata e corrisposta secondo le normali disposizioni generali, quindi senza supplemento.

Pianificazione pensionistica: come devo procedere?
Chi ha messo mano alla propria pianificazione pensionistica sa bene quanto il tema sia complesso. I dettagli da considerare sono talmente tanti che è facile perdere la bussola. Ciò nonostante è importante valutare correttamente la propria situazione personale. A tale scopo è utile un colloquio con un consulente Previdenza & Patrimonio. Potrete così beneficiare di una consulenza previdenziale consolidata che vi sosterrà nella scelta della vostra strategia o nell’ottimizzazione della vostra situazione tributaria.

Di più sul tema pianificazione pensionistica

Di vostro eventuale interesse:

Ha delle domande? Top