00800 24 800 800 DE EN FR IT Notifica di sinistro Documenti LPP Officine partner Trovare consulente e ubicazioni Condizioni della Banca Jobs Assicurazione protezione giuridica Assicurazione cyber Assicurazione responsabilità civile
Servizio clientela
24h Hotline 00800 24 800 800
Dall'estero: +41 58 285 28 28
Clienti privati e aziendali myBaloise E-Banking Link öffnet in einem neuen Tab Il mio conto Altri Login E-Banking Link öffnet in einem neuen Tab Logout
Notifica di sinistro Documenti LPP Officine partner Trovare consulente e ubicazioni Condizioni della Banca Jobs Assicurazione protezione giuridica Assicurazione cyber Assicurazione responsabilità civile
Servizio clientela
24h Hotline 00800 24 800 800
Dall'estero: +41 58 285 28 28
Clienti privati e aziendali myBaloise E-Banking Link öffnet in einem neuen Tab Il mio conto Altri Login E-Banking Link öffnet in einem neuen Tab Logout
00800 24 800 800 DE EN FR IT
«Siamo stati hackerati!»: il racconto di un amministratore
Rivista «Siamo stati hackerati!»: il racconto di un amministratore
Jetzt Beratung anfragen
28 giugno 2021

Kenneth Reber, amministratore delegato di un'azienda di tecnologia di ventilazione nell'Oberland bernese, non avrebbe mai pensato che la sua azienda sarebbe stata vittima di un attacco informatico. Nel video, ci racconta come ha vissuto l'attacco ransomware e come la cyber assicurazione della Baloise lo ha aiutato.

L’inaspettato è accaduto

Tutto è successo in un giorno d’ottobre 2020: la mattina presto un collaboratore preoccupato informa in ufficio Kenneth Reber che non ha più accesso ai file dell’azienda. In effetti tutti i file, compresi i dati nel cloud, sono bloccati e nemmeno l’amministratore stesso può accedervi. È allora che si rende conto che l’inaspettato è accaduto: la sua azienda è vittima di un criminale informatico.  

«Non avrei mai pensato che la nostra azienda potesse essere un obiettivo interessante per gli hacker. Questo evento mi ha reso ancora più felice di aver stipulato un’assicurazione cyber presso Baloise.»

Il principale punto debole: l’uomo

Reber ha contattato subito Baloise, con la quale ha stipulato da alcuni anni un’assicurazione cyber, descrivendo l’accaduto. Si scopre presto che si tratta di un cosiddetto attacco ransomware. Il ransomware è un malware che viene installato sul computer e che viene usato dagli hacker per criptare l’accesso ai dati dell’azienda colpita e chiedere un elevato riscatto per lo sblocco. 

Anche se un’azienda adotta misure di sicurezza contro gli attacchi hacker, ciò non elimina il suo principale punto debole: l’uomo. Nel presente caso l’origine dell’attacco è un allegato e-mail aperto da un collaboratore.

«I sistemi del cliente erano sì ben protetti, ma gli hacker hanno fatto leva ancora una volta sul punto debole: l’uomo.»

Il problema principale: l’interruzione di esercizio

Una delle conseguenze più costose e spiacevoli di un attacco di questo tipo per l’azienda è l’interruzione di esercizio. Anche se Kenneth Reber e il suo team hanno fortunatamente a disposizione alcuni progetti di costruzione fisici, su cui hanno potuto continuare a lavorare, l’amministratore ha dovuto mandare a casa gran parte del suo team. Ci sono volute due settimane prima che i dati venissero ripristinati e l’azienda potesse riprendere il suo lavoro. Avendo integrato nell’assicurazione cyber presso Baloise anche l’interruzione di esercizio, Reber non ha subito in questo caso alcun danno finanziario.

«Grazie al nostro servizio 24/7 siamo riusciti ad adottare le prime misure con il cliente già la mattina stessa.»

Aiuto immediato professionale

Dopo un attacco hacker siamo al vostro fianco con un team di esperti, come il nostro partner wizlynx, e vi offriamo aiuto immediato professionale. In questo modo, inoltre, garantiamo che la vostra attività possa riprendere il più rapidamente possibile in caso di un’eventuale interruzione.

Per saperne di più