00800 24 800 800 DE EN FR IT Officine partner Trovare consulente e ubicazioni Condizioni della Banca Jobs Assicurazione protezione giuridica Assicurazione cyber Assicurazione responsabilità civile
Servizio clientela
24h Hotline 00800 24 800 800
Dall'estero: +41 58 285 28 28
Clienti privati e aziendali myBaloise E-Banking Link öffnet in einem neuen Tab Il mio conto Altri Login E-Banking Link öffnet in einem neuen Tab Logout
Previdenza professionale Piano di previdenza: come trovare la soluzione LPP su misura per la vostra azienda

Nel 2° pilastro i datori di lavoro hanno un certo margine di manovra in fatto di copertura, per sé e per il personale. Scoprite di più in merito:

  • Definizione del termine “piano di previdenza”
  • Tre fattori che influenzano il piano di previdenza 
  • Scegliere la cassa pensioni giusta
28 maggio 2024 Previdenza professionale
I datori di lavoro sono tenuti ad assicurare il personale per vecchiaia, decesso e invalidità. Le soluzioni LPP a disposizione sono varie. Scoprite come allestire il piano di previdenza adatto a voi, conquistare il vostro personale grazie a un posizionamento interessante e distinguervi sul mercato.
Che cos’è un piano di previdenza?

Un piano di previdenza o assicurativo definisce le prestazioni fissate nel regolamento di previdenza, focalizzandosi sul modo in cui vengono determinate e finanziate le prestazioni per la vecchiaia, in caso di decesso e invalidità. In genere, le casse pensioni offrono una grande varietà di piani assicurativi.

Nella configurazione del piano di previdenza, i datori di lavoro devono, da un lato, rispettare linee guida giuridiche ma, dall’altro, hanno anche un certo margine di manovra: il minimo legale viene definito dalla legge federale sulla previdenza professionale (LPP). All’interno del principio dei 3 pilastri del sistema previdenziale svizzero, le prestazioni LPP costituiscono il 2° pilastro.

Che cosa prevede la LPP?
  • La previdenza professionale assicura le persone impiegate e che guadagnano almeno CHF 22'050.00 (la cosiddetta soglia di entrata) all’anno. Il limite superiore LPP del salario annuo assicurato è di CHF 88'200.00.
  • I contributi al 2° pilastro vengono divisi tra i datori di lavoro e il personale dipendente.
  • I primi devono farsi carico almeno della metà. Facoltativamente, se intendono tutelare meglio le persone assicurate, possono poi anche aumentare la loro quota.
  • I contributi vengono scaglionati in base all’età delle persone assicurate e aumentano nel corso della vita professionale;
  • quelli del personale dipendente vengono detratti direttamente dal salario.

Se volete scoprire di più sulla previdenza professionale, vi consigliamo il nostro articolo “La previdenza professionale in parole semplici”.

Posizionarsi come un datore di lavoro interessante

Mentre le prestazioni minime sono definite per legge, nell’ambito sovraobbligatorio non sono fissate prestazioni massime. Per membri dei quadri, personale con reddito elevato o anche dipendenti part-time è possibile concordare soluzioni più generose, che forniscono una maggiore sicurezza finanziaria dopo il pensionamento, in caso di invalidità o decesso. Allo stesso tempo, rappresentano per l’azienda un’opportunità per acquisire una posizione più interessante sul mercato del lavoro. Infatti, sia per chi cerca lavoro che per chi ne ha già uno, le condizioni della LPP sono molto importanti nel decidere se optare per un’azienda e rimanerle fedele. Soprattutto il personale dipendente con qualche anno in più, quello con famiglia o i membri dei quadri esamineranno con precisione in che modo vengono soddisfatte le rispettive esigenze previdenziali.

Quali fattori influiscono sul piano di previdenza?

Sostanzialmente sono tre i fattori che definiscono come strutturare il piano di previdenza in qualità di datori di lavoro.

  1. Possibilità finanziarie: un’azienda affermata di grandi dimensioni ha risorse diverse rispetto a una piccola start-up per finanziare soluzioni LPP e, ad esempio, uno standard più elevato in termini di prestazioni in caso di invalidità/decesso o dopo il pensionamento. 
  2. Struttura del personale: se i profili e le condizioni di vita delle collaboratrici e dei collaboratori sono simili, è possibile che basti una soluzione in linea per tutte e tutti. Se, invece, tra il personale si trovano profili, modelli di lavoro e livelli salariali diversi, forse l’azienda ha bisogno di più piani, fino alla previdenza complementare per chi riceve un reddito elevato.
  3. Propensione al rischio: come per tutti gli investimenti, anche in questo caso occorre decidere se a contare di più è la possibilità di ottenere un rendimento maggiore o la sicurezza dei fondi. Un rischio più elevato può comportare una copertura insufficiente che l’azienda deve sostenere con le proprie forze. Per farlo, servono risorse finanziarie a sufficienza. Più sicurezza significa, invece, rendimenti più bassi. In compenso, è possibile calcolare e controllare i costi. In questo caso, si distingue tra soluzione semiautonoma con rischio maggiore e assicurazione completa, in cui l’istituto di previdenza si assume il rischio d’investimento e i premi sono proporzionalmente più alti. Nel confronto diretto, le differenze tra le due varianti sono più evidenti. Per una panoramica in merito, vi consigliamo il nostro articolo “Assicurazione completa e soluzione LPP semiautonoma a confronto”.

Sulla base di questa situazione iniziale, analizzate esattamente di che cosa ha bisogno la vostra azienda, che cosa può permettersi e quali esigenze ha.

Come trovo l’istituto di previdenza giusto?

Dopo aver individuato le esigenze della vostra azienda, avete bisogno della cassa pensioni giusta che venga incontro ai vostri obiettivi di previdenza. Gli istituti di previdenza si distinguono sotto molti aspetti. Confrontare le prestazioni è quindi fondamentale. Considerate soprattutto questi criteri:

  • Come vengono remunerati gli averi di vecchiaia?
  • Quanto è solido il rapporto tra patrimonio e debiti (grado di copertura)?  
  • In passato a quanto ammontava il rendimento/la remunerazione?
  • Quali condizioni sono previste nel piano di previdenza e nel regolamento di previdenza?
  • A quanto ammonta l’aliquota di conversione, con cui viene moltiplicato l’avere della cassa pensioni a disposizione?
  • Quanto è semplice l’amministrazione per i datori di lavoro? Quali mezzi ausiliari vengono messi a disposizione?

Per scegliere, consultate i rapporti annuali delle casse pensioni, ma anche i confronti tra casse pensioni pubblicati nei media, che forniscono una buona panoramica sulle diverse offerte e su chi le gestisce. In ogni caso, richiedete una consulenza, in modo che, alla fine, la soluzione scelta includa esattamente la copertura che volete per voi e il vostro personale. Sulla nostra pagina riguardante la previdenza professionale trovate tutto sui vantaggi delle nostre flessibili soluzioni LPP e sul nostro servizio di assistenza a 360°.

Nel 2° pilastro noi di Baloise offriamo grande flessibilità. Insieme, troviamo la soluzione migliore per voi e il vostro personale.

Richiedete una consulenza

Notifichi il suo sinistro online: